Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies tecnici. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookies Policy   

Entro il 2023 saranno installate stazioni di ricarica per veicoli elettrici in 100 aree di servizio della rete Aspi. Una nuova stazione di ricarica ultra-veloce è entrata in funzione sull’A1, nell’area di servizio di Flaminio Est a Roma Nord. L’apertura è avvenuta a poche settimane di distanza dall’inaugurazione del punto di ricarica nell’area di servizio Secchia Ovest, nei pressi di Modena

Prosegue l’espansione del piano di mobilità elettrica e sostenibile della rete di Autostrade per l’Italia. Entro il 2023 saranno installate stazioni di ricarica per veicoli elettrici in 100 aree di servizio della rete Aspi. L’investimento, che supererà i 50 milioni euro nei prossimi due anni, farà sì che la distanza media tra un’area e l’altra sia di 50 km, come accade nel resto d’Europa.

Una nuova stazione di ricarica ultra-veloce è a tal proposito entrata in funzione sull’A1, nell’area di servizio di Flaminio Est a Roma Nord. L’apertura è avvenuta a poche settimane di distanza dall’inaugurazione del punto di ricarica nell’area di servizio Secchia Ovest, nei pressi di Modena. In una nota di Autostrade si legge come la stazione di Flaminia Est presenti due colonnine High Power Charging, ognuna delle quali dispone di una potenza di ricarica fino a 300 kW. Grazie ad esse, è possibile fare rifornimento per quattro veicoli in contemporanea, con un tempo medio di ricarica di circa 15-20 minuti.

I nuovi punti dell’area di servizio sono gestiti dalla società “Free To X”. L’obiettivo è quello di realizzare una delle più grandi reti di ricarica ad alta potenza per veicoli elettrici a livello europeo. In particolare, è prevista l’installazione in ogni stazione di circa sei punti di ricarica multi-client, che permetterebbero tempi di rifornimento veloci e tali da sostenere un viaggio a lunga percorrenza, al pari di un veicolo a motore con combustione tradizionale.

Si assiste infatti a un crescente sviluppo della mobilità elettrica in Italia. Solo tra il 2019 e il 2020, la percentuale delle auto elettriche a batteria sul totale di tutte le auto immatricolate in Italia è passato dallo 0,6 per cento al 2,3 per cento, circa quattro volte tanto. In Italia, nel mese di agosto 2021, sono state immatricolate 5096 auto elettriche, un dato che fa registrare un +440,4 per cento rispetto al 2019, raggiungendo una quota del 4,6 per cento dell’intero mercato.